21 giu 2016 / scritto da SatiYoga / 0 commenti

All’ incirca due anni fa l’ONU ha accolto con 175 voti favorevoli su 193 la richiesta del premier indiano Narendra Modi di istituire una giornata internazionale dedicata allo yoga, ovvero l’International Yoga Day.

E’ vero che ormai siamo abituati ad avere giornate internazionali di ogni tipo, ma la Giornata Internazionale dello Yoga è veramente importante… e non solo perché è un occasione per divulgare questa straordinaria disciplina, ma perché, come sostiene il premier indiano, vegetariano e assiduo praticante,

…lo yoga può aiutare a sensibilizzare le persone nei confronti dell’ambiente”.

E questo ci riguarda tutti, praticanti di yoga e non.

Secondo Modi, infatti:

[…] lo yoga è un dono inestimabile dell’antica tradizione indiana. La pratica dello Yoga incarna l’unità di mente e corpo, pensiero e azione, moderazione e appagamento, armonia tra uomo e natura, e l’unione tra il singolo individuo e l’infinito. Lo yoga non riguarda solo fare esercizio fisico, ma ci permette di scoprire noi stessi ed il fatto che siamo un tutt’uno con la natura e con il mondo.  Proprio l’unione con il tutto, e quindi con il pianeta e l’universo, dovrebbe spingere l’uomo ad un maggior rispetto di tutto ciò che lo circonda, e questa consapevolezza potrebbe aiutare a risolvere il problema del cambiamento climatico.”

Inoltre, per impedire il tentativo di aziende e/o persone straniere di brevettare o chiedere il copyright sulle pratiche e sulle posizioni di yoga, il governo indiano ha già registrato oltre 1500 posizioni di yoga ed erbe curative in una banca dati del ministero della scienza e della tecnologia (Traditional Knowledge Digital Library, TKDL), che è nata proprio per combattere la bio-pirateria, in particolare per quanto riguarda le piante medicinali.

Quando si festeggia la Giornata Internazionale dello Yoga?

E’ stato deciso che la Giornata Internazionale dello Yoga venga celebrata il 21 Giugno.

La scelta della data, ovviamente, non è casuale… ma niente nello yoga lo è. Il 21 giugno, infatti, è Dakshinayana, ovvero una porta che si apre verso la seconda metà dell’anno, e che è particolarmente favorevole per porre le proprie intenzioni, piantare i semi del cambiamento e purificare il corpo.

In questo periodo dell’anno, a cavallo tra giugno e luglio, e più precisamente nel primo giorno di luna piena (che quest’anno cade il 19 giugno) si festeggia anche un’altra importantissima tradizione, il Guru Purnima, una delle principali feste dello yoga, dalla valenza forse un po’ meno commerciale e moderna, ma più spirituale. In questo giorno, infatti, si rende omaggio al primo guru che ha trasmesso gli insegnamenti dei Veda (antichi inni sacri), il saggio Vyasa, e a tutti i maestri o guru dello yoga.

Il primo giorno di luna piena rappresenta un momento in cui questo pianeta e tutta la vita su di essa sono più ricettivi per l’energia cosmica ed è quindi il momento migliore per la nostra evoluzione spirituale.

Si festeggia la Giornata internazionale dello Yoga con lezioni pratiche in ogni piazza del mondo!


e al Centro Sati si pratica Yoga dalle 17.30 alle 19 con tutte le mamme,
Dalle 18 alle 19 con tutti e dalle 20 alle 21.30 voliamo con lo yoga!

corpo_articolo_yoga-day-3orig_main